lunedì 16 agosto 2010

Primo scalo a Nettuno

Partiti da Roma, lunedì 16 Agosto 2010, il Velista Mascherato e sua Moglie hanno fatto scalo a Nettuno. Al momento di andare a cena, il nostro eroe si è ricordato di quando, anni addietro, rientrando da un charter durante il quale avevano scarrozzato per l'arcipelago Pontino due mamme e due bambini, lui e il suo amico Luigi erano andati a mangiare dei buonissimi spaghetti con le vongole in un ristorante all'interno della città vecchia. "Andiamo," ha detto quindi a sua moglie. "Conosco io un posto."

Sfortunatamente, però, il verbo: conoscere non implica il verbo: saper ritrovare dopo sette anni e così, dopo mezz'ora di infruttuose ricerche nella calca del post-ferragosto, i nostri eroi (ché adesso sono diventati due), cominciano a prendere in considerazione l'ipotesi di andare a cena da un'altra parte.
In una piazzetta laterale, apparentemente sconosciuta alla folla che si aggira per il resto del paese, c'è un ristorante con dei tavoli all'aperto.
"Mangiamo qui, che non c'è casino," dice il Velista Mascherato a sua moglie.

Come sia andato il resto della serata, lo potete ascoltare dalla viva voce del nostro eroe:

Com'è andata la cena
Com'è andato il dolce
Com'è andato il prelievo al Bancomat

P.S. sì, lo so, che la Pelagia Nocticula è una medusa; volevo dire Pecten jacobaeus (la capasanta, per capirsi...).

Nessun commento: