domenica 21 marzo 2010

Cazzate primaverili

Ripensandoci, forse è un bene, che non si trovi un albergo a Hyères: La Costa Azzurra, a primavera, non è che sia 'sto granché, capace che piove tutto il tempo. D'accordo: mia moglie ha bisogno di una vacanza e l'aria di mare le farebbe benone, ma nulla le vieta di andare ad Atene con i suoi genitori, mentre io posso cercarmi un imbarco per Pasquavela...

Il fatto è che sono sfinito. Questa sera, dopo la lezione, ho cercato di sollevare il tubone che contiene la mia vela nuova, ma non riuscivo a stringere le mani. Mi fanno male i quadricipiti e tutti i muscoli della schiena. Come se non bastasse, poco fa, mi ha telefonato l'avvocato delle mie vertebre cervicali. Ha detto solo: "Ci vedremo in tribunale".
Sento la voce del Maestro Joda che dice: "Il tuo addestramento è incompleto, giovane Luke!" e mi chiedo, visto che sto così dopo soli due giorni di uscite consecutive, come farò a sopravvivere ai cinque giorni di Hyères.

E tutto questo, senza contare il fatto che, negli ultimi cinque anni, non sono mai uscito in mare con qualcosa di più piccolo di un J24.
E che potrebbero esserci gli squali.
E che detesto il cibo francese.
E il Pastis.

Per fortuna, martedì ho prenotato un massaggio ayurvedico...

Nessun commento: